PEPERONI CON LA MOLLICA (SICILIA)

Due ricette tratte dallo splendido libro che nominavo nella ricetta precedente.

Versione della Cucina Palermitana

INGREDIENTI: Kg 1 di peperoni rossi e gialli, 1 cipolla piccola, gr 100 di pangrattato, gr 50 di cacio cavallo grattugiato, gr 50 di passoline e pinoli, olio, sale, pepe.

PREPARAZIONE: Soffriggere in padella con olio d’oliva la cipolla grattugiata o tagliata a fettine sottili. Tagliare i peperoni a strisce e aggiungerli alla cipolla, lasciando appassire per 15 minuti coperti.
Quando saranno cotti ma non troppo molli, versare in padella le passoline e i pinoli, il pangrattato, il formaggio, condire con sale e pepe.
Lasciare insaporire per qualche minuto e passare ne piatto di portata. Servire freddi.

Versione della Sicilia Orientale

INGREDIENTI: Kg 1,5 di peperoni rossi e gialli, 3 spicchi d’aglio, gr 200 di pangrattato, gr 50 di capperi, 3 cucchiai d’aceto, olio, sale, pepe.

PREPARAZIONE: Arrostire in forno o sulla brace i peperoni e, una volta freddi spellarli e tagliarli a filetti. Tostare il pangrattato in padella senza olio, mettere da parte e nella stessa padella soffriggere l’aglio a pezzetti con l’olio e i capperi. Aggiungere la mollica, i peperoni, sale, pepe, amalgamare e condire con tre cucchiai d’aceto.
Trasferire in un insalatiera, servire freddi

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

6 commenti

  1. le passoline non sono altro che uva passa piccolissima e scura, molto utilizzata nella cucina siciliana.
    le trovo anche nei miei viaggi in Turchia ma a dire il vero non ho mai capito se sia proprio uva…
    si può sostituire con normale uva passa

    ciao

    Rispondi
  2. utente anonimo

     /  sabato, 16 settembre 2006

    bellissime le foto di famiglia, calde e tenere, specialmente la amma in cucina col vassoio.
    A presto!

    rosso fragola

    Rispondi
  3. è meraviglioso che in un isola vi sia la capacità di declinare in più di una versione lo stesso piatto.
    Accade anche in Campania, mia suocera sta a 100 km da me e cuicina in modo completamente diverso le stesse cose…

    Rispondi
  4. Mamma mia!!! Mi era scaappato il commento!!! 😉
    Un bacio tesoro… e per tutti “io c’ero” ed i peperono sono MITICI!
    Gourmet

    Rispondi
  5. grazie,
    a tutti i passanti che lasciamo traccia

    buonappe

    Rispondi
  6. utente anonimo

     /  giovedì, 21 luglio 2011

    gnammmm questa mi mancava e la voglio provare subito: per rendere onore al nostro Piemonte userò l'uvetta passa che abbiamo messo a seccare lo scorso autunno ^_^
    Peperone di Carmagnola?

    elena

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: