la vellutata di zucca….speziata

giornate uggiose…freddoline
finalmente posso dare sfogo alla mia passione di "minestromane"


nella mia visita di sabato al mercatino degli ortolani, ho addocchiato una splendida zucca di un colore arancio intenso….non ho potuto resistere, un’enorme fetta è tornata a casa con me, e contando che il maritino detesta la zucca, adesso ho un pentolone pieno di zuppa…ho già pensato di surgelarla ma ho timore di rovinarla, è davvero buona.

la mia passione per le zucche è ormai una leggenda presso i miei familari, nell’orto semino sempre moltissime zucche di tutti i tipi perchè adoro vedere da un semino lo sviluppo di tutte quelle foglie verdi, di quei fiori che si aprono per tutta l’estate…e se sono fortunata, anche qualche….zucca 😉 riesce a crescere. Quest’anno solo una misera zucca…perciò mercato.

domenica mi sono prodotta in questa vellutata speziata, per ora la foto, al più presto anche la ricetta, che è davvero semplicissima.

eccola….

Ingredienti: polpa di zucca già pulita 1kg, 1 cipolla o cipollotto dolce, 1 grossa patata, sale, spezie. Per guarnire yogurt denso, olio, pepe.

Ho messo nella pentola a pressione i pezzettoni di zucca, la patata sbucciata e tagliata grossolanamente, la cipolla a pezzi, sale, acqua (o meglio un ottimo brodo di verdure) circa 1lt e 1/2, sufficiente a coprire le verdure, meglio scarseggiare ed eventualmente aggiungerne un po alla fine, così si è certi della densità.
Ho cotto il tutto per almeno 20 minuti dal fischio.

Una volta aperta la pentola, ho frullato bene con il frullatore a immerisione, aggiustato il sale e la densità, rimesso al fuoco e aggiunte le spezie…ora qui è un po difficile spiegare quali, anche perchè va molto a gusti. Io sono appassionata e ne ho scorte inesauribili prese nei vari viaggi…

Ho pestato nel mortaio un piccolissimo pizzico di semi di finocchio e semi di cumino, specie il cumino è difficile da dosare, se si eccede il sapore è sovrastante…insomma, il classico qb…

Poi ho utilizzato una miscela acquistata a Istambul, nel famoso Mercato delle Spezie. Mi hanno consigliato di utilizzarla sulle carni, ma con l’esperienza ho verificato che è ottima con molte verdure (specie con i cavoli).

Questa miscela misteriosa contiene sicuramente cannella, chiodo di garofano, noce moscata e direi anche anice stellato…ma certamente c’è altro che non sono stata in grado di identificare…assomiglia alla "5 spezie" indiana…
Ne ho utilizzato tre pizzichini per tutta la minestra, e mi pare di aver trovato la giusta dose, perchè anche questa ha la tendenza a sovrastare.

Ho poi lasciato sobbollire per un po in modo che perdesse l’aria che incamera quando si frulla, e la consistenza resterebbe troppo "ariosa"
A questo punto ho servito in ciotole, guarnendo con un cucchaio di yogurt denso tipo greco che gli da un tocco di acidità che manca alla zucca dolce, poi ho servito con un giro di ottimo olio che mi è stato omaggiato (non scrivo più EVO….lo do per scontato)
Ho provato due verisoni, una con il pepe nero (turco ovviamente), profumatissimo ed è la mia preferita; la seconda con un pizzico di cannella…non era male nemmeno questa, ma certamente è molto strano il sapore e può non piacere, era un esperimento.

buona zuppa

Annunci
Lascia un commento

6 commenti

  1. Bella foto cara Lilli.
    La zucca piace molto anche a me, infatti sto meditando su una ricettina niente male da pubblicare prossimamente, naturalmente a base di tè 🙂
    Anche qui iniziano ad affacciarsi le giornate uggiose e si inizia a pensare agli abbracci.

    Notte, a presto

    Rispondi
  2. Mmhhhhhhhh.. buona e calda.. 😉
    E mi sembra di conoscere quelle ciotole… 😉
    Baci stella e grazie della visita in enoteca…
    Notte!!

    Rispondi
  3. anonimo #4
    …non saprei…trovi che l’aglio possa modificare il sapore dolce?

    un’altra minestra certamente ottima, proverò

    Rispondi
  4. buona buona buona…mi è sempre piaciuta la vellutata di zucca.

    ciao
    nerina

    Rispondi
  5. utente anonimo

     /  domenica, 12 novembre 2006

    anch’io sono un’appassionata della zucca e faccio spesso zuppe e vellutate in questo periodo. Tra l’altro, sono mantovana, quindi vengo dalla terra del tortello di zucca.
    Consiglio, però, le zucche “giapponesi”, quelle piccole e dalla scorza verde bruno.
    Sono più dolci e meno acquose delle altre. Insomma per ogni piatto a base di zucca… successo garantito!

    Francesca

    Rispondi
  6. Brava! Ben scritto e descritto.
    Provero’ la tua base con magari qualche variante con il curry e lo zenzero.

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: