L’oggetto del desiderio e il concorso del cavoletto

 

"-Nonna, posso aiutarti?
-Vieni qui e monta i bianchi a neve, siediti bene e batti forte forte con la forchetta finché non diventano bianchi e sodi."

Era una sorta di rito, ogni fine estate tutta la famiglia si trovava nella casa di campagna per passare insieme le ultime settimane prima dell’inizio della scuola.

Solo noi siamo 5 sorelle, Nonna, Zie, Papà e Mamma, Cugini, capitava spesso che la tavola fosse preparata anche per 20 persone.
In quelle occasioni il dolce poteva essere uno solo, noi bambini lo sognavamo, lo chiedevamo e aspettavamo questi grandi pranzi di famiglia per poterlo mangiare.

Ne ho un ricordo indelebile, il rito della preparazione e poi la cottura. Il PROFUMO si spandeva per tutta la cucina e invadeva la casa, era sempre un momento delicato perché doveva essere pronto al momento giusto altrimenti sarebbe "sceso" irrimediabilmente. E poi il SAPORE unico che solo quel dolce aveva. La CONSISTENZA soffice abbinata allo scricchiolio della crosticina di zucchero che si creava sul bordo della forma quando era pronto.

Ma la conquista più grossa era sicuramente quella della ciotola e cucchiaio da leccare alla fine della preparazione del "Soufflè di cioccolato della Nonna Ines"


Qui trovate la ricetta che partecipa al concorso indetto da Sigrid Cavoletto Nazionale che ci da la possibilità di vincere l‘oggetto del desiderio di qualsiasi gastropasticcione come me


Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

6 commenti

  1. Io mi prenoto per il souffle.. e lascio perdere KA!
    :DDDD
    baci
    S

    Rispondi
  2. Anche tu hai la tua Nonna Ines,allora quel nome è davvero una certezza in cucina!

    In bocca al lupo anche a te.

    Rispondi
  3. Ma ciao splendida Lilly… Io ancora ti aspetto con gioia qui a Rimini…!!! Io non ho proprio la nonna Ines, ma ho la mia vicina di casa Luciana, che ultimamente mi ha insegnato a riscoprire i gusti della vera cucina romagnola, insenandomi dei piatti che avevo solo gustato, ma non preparato!! Sto diventando un donnino di casa!!
    Nel frattempo ti auguro unbel “IMBOCCA AL LUPO” e…. TI ASPETTOOOOOOO!!!!

    p.s.
    Mi permetto di lasciarti il link delle foto di Sofia… tu non l’hai mai vista, spero solamente di fartela conoscere personalmente! Bacio
    http://www.flickr.com/photos/fotosofia/

    Rispondi
  4. Che soufflè meraviglioso, da fare subitissimo!!! 🙂 Posso invitarti nel mio piccolo forum di cucina?

    Rispondi
  5. ecco una ricetta di soufflè al cioccolato che mi ispira! Posso mettere in forno qualsiasi tipo di tazzina? Immagino di no, vero? Dove trovo tazzine carine come le tue ma ‘da forno?’

    Rispondi
  6. ciao francesca,
    credo che qualsiasi tipo di tazzina vada bene, anche perchè la cottura è a calore moderato a bagno maria per 30 minuti.
    vetro o ceramica sono ok, eviterei quelle decorate con oro ma le altre non dovrebbero darti problemi

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: