Birichine e Birichini…..una cena speciale

eccomi, ultima a postare….

Venerdì scorso un bel ritrovo, a Torino, di quattro foodblogger un po’ birichini, La Cuoca Petulante, Un Tocco di Zenzero, Tirebouchon e io.

Sandra e Petula sono venute a prendermi alla stazione di Portanuova e, per scaldarci in attesa di Vittorio, un Aperitivo al RossoRubino, in via Madama Cristina 21, bella enoteca dove si può degustare in una piacevole atmosfera e dove c’è stato lo scambio di regalini, pacchetti e prodotti vari, mangerecci naturalmente….
La cena è stata organizzata dalla magica Sandra che ci ha portato poco distante in questo piacevole ristorante, ‘l Birichin in via Monti, 16/a, dello Chef Nicola Batavia, nuova stella torinese, ma con una grande esperienza alle spalle.
Il locale è caldo e molto accogliente, tutto lo staff attento e professionale, siamo stati coccolati dai simpatici (e pazientissimi) Massimo, maitre di sala e dal sommelier Carmelo.

Su richiesta di Sandra, ci hanno fatto accomodare nella prima sala di fronte alla cucina a vista….. l’acquario, poter vedere le mani dello Chef all’opera e il movimento coordinato di una bella brigata al lavoro è spettacolo veramente unico per chi, come i presenti, è appasionato di cucina…

Per la scelta dei vini, naturalmente abbiamo lasciato che facesse Vittorio il quale, affidandosi al sommelier, ci ha fatto bere vini ottimi, a coltivazione biodinamica un Monferrato bianco da uve rare piemontesi, un toscano Rosso Sovana, uvaggio Sangiovese Ciliegiolo, un Moscato di Pantelleria con il dessert.
Il tasso alcolico si è mantenuto sempre alto, per le descrizioni dettagliate dei vini vi rimando al post di Vittorio, il vero esperto in materia.

La mia macchina digitale è in riparazione, perciò mi sono limitata a prendere nota dei piatti, sul mio taccuino, mentre le due birichine hanno potuto immortalare ogni piatto e mi hanno fatto dono di qualche immagine.

La cena è iniziata con un bicchierino di aperitivo, mi par di aver capito di selz e china, il pane è fatto da loro, preziosa collaborazione della madre di Nicola.

Dopo aver dato un’occhiata al menù, abbiamo deciso tutti di affidarci all’estro dello Chef il quale, ben contento, ci ha servito una superba cena a base di pesce, dove gli ingredienti, le cotture, gli accostamenti e le presentazioni sono state veramente da ricordare.

Ed ecco i piatti

Prima portata, una scatola con all’interno due piccoli bicchierini: uno con crema di zucca e tempura di bianchetti; l’altro con crema di fagioli e calamaretti spillo.
A seguire una cappasanta brasata su letto di crema di patate, sale affumicato e un filo di crema di latte aggiunta in tavola al momento. Di questo piatto ho ancora un nitido ricordo della consistenza perfetta della cappasanta, dei granellini di sale che ogni tanto esplodevano in bocca, dei sapori in perfetto accordo tra loro….se chiudo gli occhi mi viene l’acquolina…..slurp!

Poi ancora, calamaro speziato al masala, ripieno di merluzzo e patate, cotto nel suo guazzetto, con polentina bianca arrostita, olio Pianogrillo.

Spaghetti di farro, saltati con il tonnetto e cime di rapa in crema e foglie.

Paccheri, nero e gamberi, per i quali alla fine, abbiamo chiesto il cucchiaino per poter raccogliere il sughetto rimasto al fondo del piatto…..delizioso.

Trancetto di orata, fiore di zucca e ………un tocco di zenzero ….;-)
La scarpetta nel fondo ristretto è stata inevitabile.

Arriviamo al dolce, ci hanno servito un piatto con 3 ottimi dessert diversi, abbinati ad un Moscato passito.
Semifreddo latte vaniglia con salsa mou.
Spuma di cannella con arancia caramellata.
Semifreddo di liquirizia con salsa all’amarena.

Dopo il dessert la loro piccola pasticceria e una golosità, birra belga Achel trappiste con selezione di cioccolato amaro.

Merito anche del vino ottimo e abbondante, l’atmosfera è stata perfetta fin dall’inizio, sono stata bene e difficilmente dimenticherò questa cena.
Un ringraziamento particolare va a Sandra che ha organizzato, e alla ottima compagnia degli altri birichini….alla prossima.

edito per dire che il più birichino di tutti però è stato Nicola, il quale essendo del mio stesso anno, mi ha omaggiato di un regalo all’uscita…. grazie cuoco appassionato, tu e la tua combriccola ci avete fatto stare bene.