#twitpolpette: stay tuned!

update: la ricetta è pubblicata e la trovate qui >> link

Le polpette all’agro – Turchia: Ekşili Köfte

Grazie a Daniela che ha lanciato la twitpolpettoiniziativa aperta a tutti quelli che vorranno condividere polpette e affini.

Daniela la trovate anche su Twitter come @Senza_Panna

le istruzioni twitpolpettose su come partecipare qui > in questo post

le regole twitpolpettose, poche e semplici qui > in questa pagina

state collegati qui al twitpolpettoblog perchè ogni giorno uscirà una nuova ricetta!!!!e si preannuncia già la più completa e sociale raccolta polpettosa e similpolpettosa del web

#twitpolpette

che la polpetta sia con voi!

Annunci

cucina giapponese: polpo stufato (tako no yawarakani)

aggiornamento: finalmente una foto decente
polpo stufato alla soya
innanzitutto ringrazio chi ha ancora la pazienza e la costanza di passare a sbirciare il blog che giace trascurato. il lavoro mi obbliga a stare davanti al Mac per 8 ore al giorno e l’ufficio dista 1 ora di auto….arrivo a casa e il tempo vola, così è il blog a farne le spese…peccato.
Però ogni tanto riesco anche a cucinare…e mangiare , se non sono troppo sfortunata faccio anche delle discrete foto ai piatti.

questa ricetta proviene dal solito adorato libro di Gaziana Canova Tura, "IL GIAPPONE IN CUCINA" supermanuali oscar mondadori, credo ormai fuori collana. la ricetta come sempre l’ho modificata un po.

Io ho trovato un magnifico polpo fresco da un chilo e mezzo ma vanno benissimo anche polpi piccoli, l’importante è che siano freschi e non scongelati.

per un antipasto per 4 persone: 1 polpo di circa 1 kg; 1/2 tazza di salsa di soia; 3 cucchiaini di zucchero; 3 cucchiai di mirin o vino bianco; senape per accompagnare.


ops….aggiornamento del 6 giugno 07: acqua sufficiente a coprire il polpo

pulire bene il polpo togliendo interiora, occhi e becco.
sfregarlo bene con sale fino e sciacquarlo accuratamente.
stenderlo su un tagliere e battere i tentacoli con un piccolo matterello.

versare in una capace casseruola tutti gli ingredienti a freddo e portare a bollore schiumando.
coprire a meta’ e cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti, o finche’ pungendo con uno stecco sia abbastanza morbido ma non sfatto.

spegnere e lasciar raffreddare completamente, anche fino a giorno seguente.
toglierlo dal suo brodo e servire tagliato a tocchetti accompagnando con un pizzico di senape.

devo dire che ha un aspetto bellissimo ma soprattutto è ottimo.

ciao a tutti

la foto è di pessima qualità, la mia digitale mi ha tradito oggi….e questa l’ho fatta con la telecamerina del Macbook. vabbè dai, non è pessima, certo speravo di fare una foto che rendesse giustizia al povero polpo.

Cucina turca: Stufato di Pollo e Verdure (Piliç Güveç)

questa ricetta mi è tornata in mente leggendo un post di Ghat che descriveva il Römertopf, piatto molto simile a questo, credo….


Un po di notizie sulla cucina turca

Considerata dai gourmet tra le più raffinate del Mediterraneo, la gastronomia turca non teme confronti con le migliori cucine europee e mondiali.
Sovente ricca di spezie, è perciò molto profumata, e offre una serie di specialità dove ai sapori dell’ottima carne, soprattutto di montone e agnello, si affiancano un’infinita varietà di piatti a base di verdura.

L’origine della cucina turca è avvenuta su un vasto territorio dove, nei secoli, popolazioni antiche, attraversando l’Asia Centrale hanno raggiunto l’Anatolia. Queste mescolanze di civiltà hanno prodotto una grande varietà di cucine regionali, proprio come in Italia, che compongono l’attuale gastronomia turca.

La sintesi gastronomica che scaturisce dall’incontro della cucina asiatica con quella mediterranea, in Turchia ha manifestato il suo momento più alto e il popolo Turco è molto orgoglioso della sua cucina, ricchissima ed appetitosa.

I piatti turchi, a volte molto raffinati, sono un connubio perfetto di culture, dove l’utilizzo dell’olio d’oliva, re della cucina mediterranea, si mescola con le spezie, ingrediente principe di quella orientale. Tutti gli ingredienti sono sempre freschissimi e di prima qualità, le verdure la fanno da padrone, accompagnando carni e pesci cotti nei modi più disparati. Infine tutta la gamma dei dessert che rispecchia la dolcezza tipica delle donne turche: miele, mandorle, uova e latte e sciroppo.

In Turchia trovate sia ristoranti di lusso, che piccoli locali frequentati soprattutto dai lavoratori. Nei locali più modesti, dove si pranza in modo eccellente con anche solo 3 euro, spesso non hanno menu, oppure è scritto solo in Turco, e l’usanza, che io adoro, è quella di dare un’occhiata alla vetrina refrigerata dei piatti freddi o da cucinare al momento, oppure direttamente in cucina e scegliere tra marmitte, teglie e pentoloni, indicando quello che si vuole.
Si mangia bene anche per la strada: spiedini, kebab, polpette, fritture, a cifre irrisorie.

Nei numerosi viaggi che ho fatto in quel paese, e da più di venti anni ci torno sempre volentieri, mai mi è capitato di mangiare male o prendere la “fregatura”

Uno dei piatti di questa meravigiosa cucina è il Güveç, gustoso stufato a base di carne, ma del quale ne esistono un’infinità di varianti, compresa quella di sole verdure.
È composto quasi sempre da carne di montone o agnello, sistemata a strati con verdure, che variano a seconda delle stagioni, in una marmitta di terracotta refrattaria, dotata di pesante coperchio, appositamente fabbricata per questo piatto.

Di queste pentole, che adoro, negli anni ne ho portate a casa di tutte le dimensioni, e ne ho regalate altrettante, sempre molto apprezzate per tutte le cotture lente.
Le uso quasi tutti i giorni, per molte altre preparazioni. La proprietà migliore è quella di poterle mettere direttamente sulla fiamma del fornello, senza pericolo di romperle.

ed ora veniamo alla ricetta

Piliç Güveç

dosi per 6 persone:

Rosolare in padella 1 kg di pollo a pezzi, senza pelle e infarinato
Nella casseruola di terracotta, disporre a strati con: fette di patate, zucchine, cipolle, carote, peperoni dolci, melanzane, pomodori freschi, e qualche pezzetto di peperone piccantino (secondo il gusto), prezzemolo, origano, olio, sale, pepe.
Versate sopra 2 tazze di brodo di pollo.
Chiudete la pentola con il suo coperchio e sigillatelo con della carta bagnata (o pasta d’acqua e farina) a formare una sorta di pentola a pressione.
Cuocere per 1 ora dal momento in cui bolle, a fuoco bassissimo, meglio in forno.

Si può sostituire il pollo con: coniglio, vitello, salciccia, ecc…
Le verdure si possono usare tutte o in parte, o altri tipi. (in totale circa 1 kg.)
Si serve come piatto unico con riso bianco Beyaz Pilav (la ricetta prossimamente, comincerete a capire la mia mania per la cucina turca e la Turchia 🙂 )

"Afiyet Olsun"

letteralmente significa Buona digestione, corrisponde a “Buon appettito” e viene usato sia a inizio pasto che alla fine.

le foto delle pentole sono di

geleyi tanıyalım